Una nuova materia scolastica: l’educazione civica europea

Tra cinque anni l’educazione civica europea sarà insegnata in tutte le scuole italiane: è questo l’obiettivo raggiunto dal Miur e la Commissione Europea, attraverso un accordo formale sottoscritto il 21 gennaio, per munire i docenti del materiale didattico necessario a trasmettere agli studenti le nozioni della materia sul modulo dedicato all’Unione europea.

L’accordo prevede – attraverso un progetto pilota che sta per partire – una fase sperimentale di elaborazione dei moduli didattici per gli insegnanti delle scuole primarie, secondarie e secondarie superiori. In una seconda fase, da portare a compimento entro il 2020, i 234.000 docenti italiani che oggi insegnano “Cittadinanza e Costituzione” potranno acquisire gli strumenti per offrire ai loro alunni, all’interno dello stesso insegnamento, un modulo didattico dedicato all’Unione europea.

“L’appartenenza all’Unione europea riguarda ormai gran parte dei diritti e dei doveri del cittadino e rappresenta – spiegano i firmatari – una dimensione imprescindibile della cittadinanza”. Per questo attraverso questo partenariato si vuole “diffondere la conoscenza della dimensione civica europea tra gli alunni, futuri cittadini”.

S.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *