Travaglio a Cosenza con “Cortigiani e penne alla bava”

IMG_4039ridottaIl Castello Normanno Svevo di Cosenza ha fatto da sfondo, il 16 luglio al recital  teatrale “Slurp, Lecchini, Cortigiani & Penne alla bava al servizio dei potenti che ci hanno rovinato” di  e con Marco Travaglio con Giorgia Salari, per la regia di Valerio Binasco. Un recital in cui si racconta di giornalisti, intellettuali e opinionisti servili a quella politica di ogni colore che ci ha rovinato.Sono loro – secondso Travaglio –  che, insieme ad imprenditori e manager falliti, stanno completando l’opera. Berlusconi, Renzi, Napolitano, Monti e tanti altri i protagonisti di cui Travaglio ha raccontato uno spaccato della loro “vita”.

IMG_4038ridottaUn testo tagliente e senza sconti – come in genere  tutti i testi di Travaglio – che ci fa aprire gli occhi sui  virus del conformismo, della piaggeria, della credulità, dell’autolesionismo e della “Sindrome di Stoccolma” che sembra catturare molti giornalisti a contatto con il Potere.

Insomma un recital “da ridere per non piangere”. Travaglio ha dedicato lo spettacolo ai giovani che vogliono intraprendere la carriera di giornalista senza “padroni”, in autonmia e avendo per faro solo l’interesse dei lettori. Che vogliano insomma usare la penna (o il computer) per tenere informati cittadini, scrivendo il vero e non ciò che altri vogliono far credere.

Rosanna Angiulli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *