Thinking of EU, al via il Contest per gli Under 35

Al via la seconda edizione del Contest artistico Thinking of EUpromosso dall’Università LUMSA e dall’Osservatorio Germania-Italia-Europa (OGIE), in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e Diplomacy – Festival della Diplomazia.

L’obiettivo dell’iniziativa, aperta ai giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni, è far esprimere ai partecipanti, mediante la produzione di un’opera originale rientrante nelle categorie di MusicaLetteratura e Arti Visive, la propria percezione dell’Unione Europea, della cittadinanza europea e delle conquiste raggiunte dal processo di costruzione dell’Europa unita.

È possibile partecipare con una sola opera sia singolarmente, sia in gruppo. Le opere dovranno pervenire all’indirizzo di posta elettronica ogie@lumsa.it entro e non oltre il 24/04/2020. Le e-mail dovranno contenere la Scheda di partecipazione e, naturalmente, l’opera creativa. I testi scritti non dovranno superare le 2 cartelle A4 (3600 caratteri). I file superiori a 25 MB dovranno essere inviati tramite WeTransfer (o simili). I partecipanti riceveranno la conferma dell’avvenuta iscrizione entro una settimana dall’invio dell’e-mail recante la Scheda di partecipazione e l’opera.

Gli autori delle migliori opere selezionate verranno invitati a partecipare alla Conferenza che concluderà il Progetto OGIE 2020, dal titolo Europa ædificanda est,e che si svolgerà presso l’Università LUMSA di Roma il prossimo maggio. Gli autori delle opere premiate con la prima posizione riceveranno una targa commemorativa e avranno l’occasione di presentare e illustrare i propri lavori.

“In un contesto che invoca in diversi campi la costruzione, il rafforzamento o la riaffermazione di una leadership e di un approccio comuni a livello europeo, crediamo – affermano gli organizzatori – che si faccia sempre più impellente una riflessione sulla necessità della creazione di una cittadinanza europea attiva che si affianchi a quella nazionale. Siamo convinti che questo valga tanto più per i giovani: è anche dalle loro scelte che dipenderà il futuro del progetto europeo”.

Il 2020 – si legge sul sito dell’OGIE -si è aperto con tensioni geopolitiche , il timore di una nuova crisi economica e una serie di eventi causati dal cambiamento climatico e dall’incuria dell’uomo. Un contesto che invoca in diversi campi la costruzione, il rafforzamento o la riaffermazione di una leadership e di un approccio realmente europei. Uno scenario che ci fa dire con forza, come già Joseph Bech in Campidoglio il 25 marzo 1957: «Europa ædificanda est».

Dal 2016 a oggi, l’Osservatorio ha sviluppato un percorso di studio fondato sul riconoscimento dei valori comuni sui quali poggia il processo di integrazione europea. Da questo percorso sono scaturite considerazioni e proposte, raccolte in una serie di documenti. Un’attività frutto di impegno civile e di «un rovesciamento della piramide della Politica, in cui cittadini [giovani europei] si fanno carico di alcune sfide e questioni ritenute prioritarie».

Per maggiori informazioni sul contest è possibile consultare la pagina dedicata sul Sito web dell’OGIE, quella presente sul Sito dell’Università LUMSA oppure inviare una mail a ogie@lumsa.it.

Ramona Calvino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *