Sale la tensione tra sindacati e amministrazione scolastica

Crescono in attesa dell’approvazione della riforma sulla Buona Scuola, le tensioni tra sindacati e amministrazione scolastica. Con un comunicato congiunto Flc-Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola, lamentano il “moltiplicarsi di annunci e indiscrezioni che prefigurano ipotesi vaghe e confuse, in cui si intravede come unico dato certo una secca riduzione degli attuali trattamenti economici”. Ed hanno finalmentechiaro cosa accadrebbe limitando al 20% rispetto all’attuale il margine di incremento retributivo legato all’anzianità di servizio: stando alle indiscrezioni giornalistiche, tale incremento potrebbe subire una perdita secca di circa 8.500 euro”.

La tensione sale anche tra gli stessi sindacati. “Come fossero stati folgorati sulla via di Damasco, due di quei sindacati firmatari dell’accordo del 2011 – ha detto Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir si accorgono solo ora che gli aumenti stipendiali automatici del personale che dovrebbero tutelare non ci sono più. E rischiano di trasformarsi in indennità da assegnare attraverso una sorta di prestazione occasionale”.

Ci sono voluti quattro anni, durante i quali il Governo non ha stranamente provveduto al promesso taglio del 30% dei distacchi sindacali ma ha rinnovato la rappresentatività sindacale, perché si riprendessero da questo vuoto di memoria. E lo fanno oggi, guarda caso, a pochi giorni dal rinnovo delle Rsu in oltre 8.400 istituti autonomi, tappa fondamentale per mantenere in vita lo status quo”, ha concluso il sindacalista Anief-Confedir.

Le pressioni dei sindacati sono comunque servite. Poche ore fa il ministro dell’Istruzione,Stefania Giannini, nel giorno del suo passaggio da Scelta Civica al Partito Democratico, ha convocato sindacati della scuola per lunedì 16 febbraio: durante l’incontro si parlerà proprio della riforma e dei provvedimenti legislativi che dovranno mettere nero su bianco i contenuti del documento del Governo sull’istruzione.

Alessandro Giuliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *