Perché non possiamo non dirci europei: workshop alla Lumsa

Secondo incontro, il 21 marzo alle 17 alla Lumsa del ciclo di workshop dell’ Osservatorio Germania-Italia-Europa (OGIE), dedicato a tre dei paesi fondatori dell’UE (FranciaGermania Italia) e intitolato “Perché non possiamo non dirci europei“. L’incontro si terrà nell’Aula 5 in Piazza delle Vaschette, 101 a Roma.

Il 2019 sarà un anno cruciale per l’Unione Europea; due gli appuntamenti che la attendono – la Brexit, il 29 marzo, e le elezioni del Parlamento europeo, tra il 23 e il 26 maggio – e che rappresentano l’occasione propizia per interrogarsi sul significato e sulle ragioni storiche e culturali del processo di integrazione e, soprattutto, del nostro essere europei; per tentare di comprendere le motivazioni (solo economico-sociali o anche culturali?) alla base della crisipotenzialmente disgregatrice che vive oggi l’Unione e per rilanciare i temi dell’integrazione.

Insieme agli studenti del Corso di laurea magistrale in Relazioni internazionali, del Corso di laurea in Scienze politiche e dell’amministrazione, nonché del Master Esperti in politica e in relazioni internazionali, i membri dell’OGIE avranno l’opportunità di discutere e confrontarsi con l’ambasciatore Daniele Mancini, con il professor Giovanni Ferri (LUMSA) e con il dr. Matteo Bressan (LUMSA). Modererà l’incontro Thomas Schaumberg, membro del Gruppo di lavoro permanente dell’OGIE e studente del Master in Esperti in politica e in relazioni internazionali (LUMSA).L’evento sarà trasmesso in videoconferenza con il Dipartimento di Giurisprudenza di Palermo.).  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *