Istituti tecnici superiori: il 55% degli studenti trova lavoro

È davvero buono l’incremento di numeri sugli Istituti tecnici superiori. A sostenerlo è l’Osservatorio sugli Its creato da Cnos-Fap e Censis, ch ha coinvolto 41 Fondazioni (che nel primo biennio di attività hanno erogato 52 percorsi formativi) e 518 diplomati. Ebbene, dagli iniziali 59 del 2010/2011, oggi gli Istituti tecnici superiori sono arrivati a quota 74. Non solo: chi li ha frequentati è soddisfatto dell’esperienza fatta (82%), con il 55% di studenti che ha anche trovato un’occupazione.

Prevalgono il contratto a tempo determinato (32,6%) e il contratto di apprendistato (29,8%). Solo il 17,6% lavora in un settore diverso da quello del corso Its frequentato, mentre il 49% lavora in un’azienda che fa parte della rete di relazioni della Fondazione Its e spesso (43,3%) lavora nella stessa azienda in cui è stato effettuato lo stage.

Il quadro che emerge dalla ricerca è completato dall’opinione di alcuni datori di lavoro che hanno avuto contatto con i ragazzi appartenenti a cinque settori diversi (meccatronica, moda, agroalimentare, turismo, Ict). Per tutti l’esperienza è stata positiva e considerano due gli aspetti di eccellenza: l’efficacia della formazione teorica integrata con quella pratica e la scelta utilitaristica dei ragazzi che, essendo determinati nel seguire un percorso per trovare lavoro, sono decisamente motivati.

Antonio Giuliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *