Fotografie e versi di un poeta randagio sui muri della città

IMG_20161201_175445I versi di un poeta randagio, Alfonso Gatto, sui muri di un angolo della sua Salerno. C’è stato anche questo nei pochi giorni di apertura, nel dicembre scorso, della mostra fotografica “L’ombra del Gatto” che si sè svolta nel vicolo San Bonosio, nel cuore della Salerno che vide il poeta ragazzo protagonista a suo modo della città vecchia dove era nato.IMG_20161201_175300

Una commistione suggestiva di graffiti e fotografie resa possibile dall’impegno e dall’arte di Corradino Pellecchia e Francesco Siano. “C’è il tempo eterno della poesia, graffiata su intonaci screpolati, colorata su muri fatiscenti destinati all’oblio, che riprendono a pulsare di vita con la voce ardente di Alfonso Gatto, il cantore luminoso delle piccole cose”, hanno scritto Pellecchia e Siano nella presentazione della loro mostra fotografica, arricchita da un reading di Francesco d’Episcopo, docente di Letteratura italiana e dell’attore Gaetano Fasanaro.IMG_20161201_175311

“Alfonso Gatto – hanno scritto i due fotografi – amava i gatti, si identificava con loro tanto da firmarsi con la “g” piccola di gatto. Anche lui era un randagio, padrone di tutte le città che ha abitato e di cui conosceva tutti gli angoli segreti che gli si rivelavano col “terzo occhio”, quello del cuore. L’ombra del Gatto, del gatto poeta, ci ha inseguito fin da quando eravamo ragazzi e perlustravamo Salerno, la città vecchia dove era lui nato, cercando di raccontarla con il suo “terzo occhio”, fermando con l’obiettivo presenze che normalmente sfuggono allo sguardo distratto di chi vive la città senza viverla davvero, ignara della verità che nasconde sotto la superficie.

IMG_20161201_175327“Nel 1976, con la voce narrante di Giuseppe Gatto, pubblicammo – continuano i due fotografi –  un libro fotografico “Aglo”, un viaggio interiore tra architetture e volti, che doveva avere la presentazione dello zio di Peppino. La morte giunse inattesa, ci resta solo un frammento di quello scritto mai completato che allora, per pudore, decidemmo di non inserire nel volume”.

IMG_20161201_175458“Oggi si è fatta forte l’urgenza – scrivono i due fotografi – di riprendere quel cammino. Siamo tornati sui nostri passi, ancora una volta seguendo l’ombra del Gatto-gatto, scegliendo particolari-ombre di una città  in mutamento. Senza cedere alla nostalgia che sa di rimpianto, ma alla nostalgia che reca in sé la speranza del futuro. Certo non ci sono più le persone, i bambini che giocano per strada, gli artigiani, le donne che si scambiano inciuci nei cortili o dai balconi. C’è solo il tempo fermo di resti del passato che affiorano all’improvviso in una piazza, un androne, una viuzza. Ma c’è il tempo eterno della poesia, graffiata su intonaci screpolati, colorata su muri fatiscenti destinati all’oblio, che riprendono a pulsare di vita con la voce ardente di Alfonso, il cantore luminoso delle piccole cose”.IMG_20161201_175515 Salerno Fine

l.p.

(Le foto dei graffiti di vicolo San Bonosio sono di Carla Maurizi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *