Gli psicologi in soccorso degli insegnanti

Crescono le difficoltà degli insegnanti per il numero in crescita di alunni con problemi di apprendimento. E anche i progetti per venire in loro soccorso. Come l’accordo stipulato tra Consiglio nazionale degli psicologi e Miur: proprio per migliorare la formazione degli insegnanti sui bisogni educativi speciali e disturbi specifici dell’apprendimento, gli psicologi “saranno nelle scuole di tutta Italia a promuovere una politica di valorizzazione delle diversità che va ben oltre la certificazione della disabilità e le diagnosi di Disturbi dell’apprendimento“.

L’annuncio è arrivato a Firenze il 5 febbraio da Lauro Mengheri, referente del gruppo di lavoro sui Bes e i Dsa del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Psicologi e presidente dell’Ordine degli psicologi della Toscana, nel corso della quarta edizione del Congresso “A scuola ho un bambino che…”.

Da un’indagine dell’Ordine degli psicologi della Toscana sui siti delle scuole primarie e secondarie della regione è emerso che il 43,7% delle scuole ha uno sportello d’ascolto che nel 51% dei casi è gestito da psicologi, nel 21% da altri e nel 28% dei casi non indicato. In Italia circa 110-115.000 ragazzi compresi fra i 14 ed i 17 anni, ogni anno, si trovano fuori dai percorsi formativi e scolastici.

Alessandro Giuliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *