Alzheimer: scienziati italiani scoprono anticorpo

Scoperta dai ricercatori della Fondazione EBRI Rita Levi Montalcini una molecola, l’anticorpo A13, in grado di fermare la progressione della Malattia di Alzheimer (MA) contrastando i difetti che caratterizzano le fasi precoci della malattia e favorendo la nascita di nuovi neuroni. Gli scienziati, come spiegano nello studio pubblicato su Cell Death and Differentiation, hanno infatti scoperto…

Nuovi metodi per combattere l’antibiotico-resistenza

Sull’eco della settimana mondiale dell’antibiotico resistenza organizzata dall’OMS e dell’European Antibiotic Awareness Day , la giornata che il Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) ha voluto dedicare a questo problema, i ricercatori dell’Istituto Dermatologico San Gallicano (ISG) hanno messo a punto e brevettato nuovi test di laboratorio mirati a sconfiggere batteri multi resistenti tramite…

Realizzato un nuovo cerotto anticoncezionale effervescente

Si tratta di un cerotto veramente speciale  composto da uno strato esterno   “effervescente” che, dopo un minuto che lo si è applicato sulla pelle,  si stacca, scoprendo  una serie di micro aghi biodegradabili. Aghi minuscoli che, nel corso del mese, dopo aver rilasciato sotto la superficie della pelle l’ormone contraccettivo levonorgestrel, si degradano lentamente.  …

Sonno e onde lente per “lavare” il cervello

Mentre dormiamo il cervello si lava anche grazie alle onde lente. Il sonno è ristoratore nel più ampio significato del termine. Mentre dormiamo, infatti, il nostro cervello lavora per riprendersi dallo stress della veglia, eliminando le scorie con un buon lavaggio e “normalizzando” le sinapsi che durante il sonno ritornano alle loro reali dimensioni (“Ipotesi…

Dall’uva una speranza per i malati di mesotelioma

Uno studio di  Enea, Cnr e Università “Federico II” di Napoli (UNINA), pubblicato Journal of Functional Foods,  ha dimostrato che alcune molecole contenute nei semi degli acini (vinaccioli) delle uve di Aglianico e Falanghina sono capaci di bloccare la crescita di cellule di mesotelioma e potrebbero essere in grado di aumentare l’efficacia delle terapie farmacologiche…

Mangiare troppo salato fa male al cervello

E’ noto da tempo che il  consumo eccessivo di sale ha un effetto nocivo sulla  salute. Lo hanno rivelato, negli anni, diverse ricerche che  hanno dimostrato l’ influenza dannosa  del sale  sulla salute del cervello e sulle funzioni cognitive, nelle quali ha sempre giocato un  ruolo primario l’ipertensione. Uno studio pubblicato questa settimana  su Nature…

Arriva la cioccolata all’olio d’oliva

Realizzata da ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e Scienze Mediche dell’Università “La Sapienza” di Roma, guidati da Francesco Violi, coordinatore della ricerca e presidente del Collegio dei Docenti Universitari di Medicina Interna, la speciale cioccolata a base di oleouropeina, una molecola estratta dalle olive e dalle foglie di olivo, sembra tenere a bada la…