AstroLuca al comando della Stazione Spaziale Internazionale

Dal 2 ottobre l’astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Luca Parmitano,  è il nuovo comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il primo italiano e il terzo europeo ad assumere questo ruolo. La nomina, dopo una breve cerimonia a bordo della stazione con ben nove astronauti a festeggiare il passaggio delle consegne dal comandante russo Alexei Ovchinin che domani rientrerà sulla Terra insieme a due suoi colleghi. Con la partenza di  Ovchinin si chiude la missione 60 e comincerà ufficialmente la Expedition 61, mentre  la  missione Beyond (“oltre”) entrerà nella seconda parte e terminerà nel febbraio 2020.

Luca Parmitano

“Grazie all’Europa e all’Italia”: sono state fra le prime parole di Luca Parmitano, più affettuosamente chiamato AstroLuca,  dopo l’emozionante cerimonia  che si è conclusa con il suono di una campanella.  L’astronauta italiano non si limiterà a comandare le operazione sulla ISS, ma avrà anche il comando della ”passeggiata”, meglio conosciuta come attività  extraveicolare (EVA, extravehicular activity) che dovrà affrontare a novembre. Attività  fondamentale non solo per  sostituire le batterie lungo i tralicci che costituiscono la struttura portante della Stazione Spaziale, ma anche per la  manutenzione di uno strumento molto importante, un rivelatore di raggi cosmici agganciato alla stazione spaziale l’Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) progettato per lo studio della materia oscura e dell’antimateria. Inoltre, sempre a novembre AstroLuca dovrà controllare, da remoto,  l’esperimento Analog-1, in cui un rover  telecomandato raccoglierà campioni geologici nell’isola spagnola di Lanzarote.

Luca Parmitano è partito per la missione Beyond lo scorso 20 luglio alle 18,28 ora italiana dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, a bordo della capsula Soyuz-13 con il lanciatore Soyuz Fg.

Rita Lena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *