Al via il Science Web Festival e “Particle Land” su Facebook, Instagram e Youtube

Partirà il 14 marzo (in occasione del Pi Day, la festa del pigreco) fino al 23 aprile, perché la scienza non si ferma, malgrado il coronavirus. Science Web Festival rappresenta   una buona occasione per restare a casa per adulti e più giovani e imparare divertendosi quando l’attività didattica,  festival e eventi scientifici vengono annullati.

Dieci giorni  in modalità completamente virtuale sfruttando le maggiori piattaforme social: pagine Facebook,  profilo Instagram e canale Youtube. Un’ottima idea venuta al fisico e divulgatore scientifico barese Alessio Perniola che per dieci giorni,  tramite il Science Web Festival e ottimi divulgatori, offrirà a studenti e appassionati di tutte le età e a chi in questi giorni è costretto alla quarantena o all’isolamento, un fitto programma di video, dirette streaming, presentazioni di libri e laboratori scientifici online grazie ai quali chiunque potrà nutrire la propria passione e la propria sete di conoscenza, passando del tempo in allegria. “Noi crediamo fortemente –  afferma Perniola nel post di presentazione del progetto –  che questa sia l’occasione per sperimentare non solo nuove formule di insegnamento, ma anche per prendersi un nuovo tempo, quello che suscita passioni e interessi nuovi, facendo proposte accattivanti, stimolanti, interdisciplinari, innovative. Chi meglio di noi divulgatori   – conclude – può mediare questa sfida entusiasmante? La novità del Science Web Festival sta nell’unire sotto l’hashtag  #lascienzanonsiferma moltissimi di questi comunicatori in un unico festival virtuale, in un momento in cui lo svago culturale è una necessità.

E,  a fare compagnia ai tanti che sono costretti in casa,  ci sarà anche l’INFN che a partire da domani alle 11.30 ha pensato in particolare ai bambini per raccontare la fisica delle particelle sui social media con un appuntamento chiamato  “Particle Land: alla scoperta del meraviglioso mondo dei nuclei e oltre” pensato per le ragazze e i ragazzi delle scuole secondarie e i loro docenti.
L’obiettivo è coinvolgere e raggiungere anche gli studenti delle tante scuole italiane attualmente chiuse e rispondere alle loro domande sulla fisica fondamentale in diretta  Facebook e Instagram dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Rita Lena  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *