A Venezia Leonardo, a Mantova Amore e Psiche, a Roma Archimede

LeonardoVenezia e i disegni di Leonardo, Mantova ed il mito di Amore e Psiche, Roma celebra il genio di Archimede; tutto questo tra poco nella rubrica domenicale dedicata alla cultura.

Una sorta di diario personale; una finestra sulla storia artistica e scientifica del grande genio del Rinascimento: tutto questo è la mostra intitolata “Leonardo Da Vinci: l’uomo universale” di scena presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia fino al primo dicembre.

Al nucleo veneziano di disegni, 25 in tutto,  se ne aggiungo circa una trentina provenienti da tutto il mondo: dalla Biblioteca Reale di Torino alla collezione custodita dal castello di Windsor, dagli Uffizi di Firenze al British Museum di Londra.

Un percorso espositivo supportato da un importante apparato didattico, schede di sala per i giovani visitatori e strumenti multimediali.Leonardo3

Mantova, invece, fino al dieci novembre incanta il pubblico grazie ad una doppia mostra in cui il mito e l’arte, il racconto e la bellezza offrono un’occasione imperdibile per ammirare reperti archeologici, opere realizzate dai maggiori maestri del Rinascimento e da quelli contemporanei: titolo dell’evento “Amore e psiche, la favola dell’Anima”.

Palazzo Te e Palazzo San Sebastiano accolgono opere provenienti da numerosi poli museali per rievocare la leggenda del dio e della donna il cui fascino eguagliava, sfortunatamente per loro, quello di Afrodite.

Stili, arti ed epoche differenti per tornare sulle tracce di Psiche, dalla rivalità con la dea della bellezza al viaggio verso gli inferi, fino all’incontro con Persefone e al lieto fine in cui la terrestre riabbraccia Eros, trasformando il loro amore in un atto divino, in grado di attraversare il tempo e sconfiggere la morte.

Presso i Musei Capitolini rivive il genio dell’inventore siracusano vissuto nel III a.C.: matematico, astronomo, fisico, ingegnere e uomo politico; la mostra “Archimede, arte e scienza dell’invenzione” è un percorso espositivo colossale.

Otto sezioni in cui storia, arte e tecnologia si incontrano e compongono un susseguirsi di spazi in cui i visitatori, dovranno distogliere lo sguardo dai meravigliosi marmi delle sculture per farsi rapire dal fascino dei modelli delle macchine progettate dallo scienziato.

Elementi multimediali, filmati in 3D rendono ancora più avvincente l’evento e calano il pubblico nella mente di Archimede, un mondo fatto di intuizioni e passioni, di sperimentazione e coraggio.

Andrea Mazzuca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *