Il cacao si coltivava in Sud America già 5.300 anni fa

 

cacaoLa coltivazione della  pianta del cacao, Theobroma cacao,  è cominciata 1.500 anni prima di quanto si pensasse. Inoltre, secondo uno studio della  University of  British Columbia (Vancouver, Canada) condotto da Michael Blake  le prime colture  apparvero in Sud America e non in America Centrale come si credeva. Questa pianta, dalla quale si ricava il cioccolato, per le popolazioni del Mesoamerica precolombiano  era molto  importante anche dal punto di vista culturale e le fave di cacao venivano utilizzate  sia come moneta, sia per ricavarne la bevanda di cioccolato da consumare durante cerimonie rituali e feste. E, anche se, come  rivela la ricerca pubblicata su Nature Ecology & Evolution,   recenti ritrovamenti archeologici fanno risalire l’addomesticamento  di questa pianta a 3.900 anni fa,  consolidando l’ipotesi  che la coltivazione di  T. cacao  è iniziata in America centrale, evidenze genetiche mostrano che le più grandi diversità di T.cacao e di  altre piante parenti (sottospecie) appartengono al Sud America equatoriale, dove il cacao è  ancora molto  importante per le popolazioni locali,  suggerendo che  potrebbe essere proprio  qui che ha avuto origine la coltura del cacao.

La conferma arriva da Michael Blake e colleghi che  hanno studiato manufatti in ceramica ritrovati nel sito  di Santa Ana-La Florida, il più antico insediamento, conosciuto, dell’antica cultura, Mayo-Chinchipe, nel bacino del fiume Chinchipe al confine tra l’attuale Ecuador e il Perù, risalente ad almeno 5.450 anni fa. Studiando i reperti,  gli scienziati hanno, infatti,  scoperto :  la presenza di granuli di amido specifici del  T. cacao  all’interno di frammenti di ciotole; residui di teobromina,  l’ alcaloide più importante ed amaro della pianta T.cacao, assente in piante simili selvatiche,  e frammenti di sequenze dell’ antico Dna di T.cacao.

Queste scoperte confermerebbero che la popolazione Mayo-Cinchique  coltivò la pianta di T.cacao, tra 5300 e 2100 anni fa,  già 1500 anni prima che questa venisse usata in America Centrale. E, poiché, l’insediamento di Santa Ana-La Florida, dove sono stati ritrovati i reperti, è un  sito collegato alla costa pacifica, gli autori pensano che il cacao sarebbe arrivato al nord,  attraverso il commercio di beni,  incluse piante importanti anche culturalmente come T. cacao.

Rita Lena

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *