Al via la Notte europea dei ricercatori

farmaco-anti-invecchiamentoEsperimenti, dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze, seminari divulgativi, spettacoli e concerti saranno gli ingredienti, il 28 settembre, della tredicesima Notte Europea dei Ricercatori 2018 organizzata da enti ed istituti di ricerca in tutta Italia, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), al Consiglio Nazionale delle Ricerche, dai laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), all’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). La manifestazione, promossa dalla Commissione Europea nell’ambito dei progetti di HORIZON 2020, si propone di avvicinare ricercatori e cittadini di tutte le età ed evidenziare l’importanza e l’impatto positivo della ricerca nella vita quotidiana.

Ma vediamo cosa offrono  i ricercatori.  A partire da quest’anno i LNF aderiscono a https://www.scienzainsieme.it/, un progetto che raccoglie tutte le iniziative di divulgazione scientifica ideate, organizzate e promosse in collaborazione tra i principali Enti di Ricerca e alcune Universita’ del territorio italiano.notte-europea-ricercaori

Il programma prevede visite guidate e seminari divulgativi. L’INGV , in occasione della Notte Europea dei Ricercatori e della Notte Europea dei Vulcani prolunga fino al 29 le sue iniziative:  dallo scudo spaziale al tweet dall’interno del pianeta Terra, per parlare di magnetosfera, terremoti e vulcani. Un programma ricco che coinvolgerà le sedi di Roma, Milano, L’Aquila, Catania, Linguaglossa, Palermo, Pisa, Lucca, Rende, Napoli e Bologna. http://comunicazione.ingv.it/index.php/eventi/145-notte-europea-dei-ricercatori-2018-roma).

notte-europea-ricercatoriAnche L’Inaf mette in campo una ricca offerta di iniziative che spaziano dai seminari scientifici ai laboratori per bambini, dalle visite guidate a molte delle sue sedi, alle osservazioni al telescopio. Anche il mondo della medicina aderisce all’iniziativa. La settimana della scienza e la notte europea dei ricercatori vede gli esperti IFO impegnati dal 24 al 29 settembre nella campagna social dal titolo “Vero o falso?” I ricercatori del Regina Elena e del San Gallicano rispondono a luoghi comuni in tema di salute e stili di vita. Accrescere le conoscenze del cittadino nel settore medico-scientifico significa anche responsabilizzarlo in un ottica di prevenzione, di qualità di vita e di scelte consapevoli nonché di partecipazione attiva ai progetti di ricerca.

CNR (http://www.nottedeiricercatori.it/sharper.html)  e INFN anche quest’anno non mancheranno all’appuntamento. La comunità dell’INFN sarà  tra i protagonisti dell’evento e si sta mobilitando da mesi per organizzare per il 28 settembre iniziative su tutto il territorio nazionale ( SHARPERERN-APULIASOCIETY e BRIGHT).

Rita Lena

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *