Daniela Mercurio (APRE): 471 milioni di euro dall’UE per hub e piattaforme industriali digitali

parlamento_ueCi sono 471 milioni di euro per hub e piattaforme industriali integrate nel programma di lavoro europeo per l’ICT 2018-2020. Intervenendo il 23 luglio, alla Lumsa, alla sessione su “Mercato Interno, le innovazioni digitali e le forme di partenariato in ricerca: impresa ed università” del secondo Seminario “Quo vadis Euopa?”, Daniela Mercurio, dell’APRE, punto di contatto per le infrastrutture di ricerca,  ha sottolineato che l”’evoluzione delle tecnologie digitali, in combinazione con altre tecnologie abilitanti fondamentali, sta cambiando le modalità di progettazione, produzione, commercializzazione e generazione di valore a partire dai prodotti e dai servizi correlati”.

Nella sua presentazione la dott.sa Mercurio ha illustrato le politiche promosse dalla Commissione Europea e le iniziative europee e nazionali a supporto della costituzione dei digital innovation hub, mettendo in evidenza che  nella Comunicazione “Digitising European Industry – Reaping the full benefits of a Digital Single Market[1]” (aprile 2016), la Commissione Europea delinea la sua strategia per permettere all’unione Europea di cogliere pienamente le opportunità offerte dalle innovazioni digitali nell’industria.

“Progressi tecnologici quali l’internet delle cose (IoT), il 5G, il cloud computing, l’analisi dei dati e la robotica – ha osservato la dott.sa Mercurio – stanno trasformando prodotti, processi e modelli imprenditoriali in tutti i settori, creando nuovi paradigmi industriali”.

In questo contesto la Commissione Europea supporta, attraverso il tema ICT in H2020, due tipologie di attività: 1) i digital innovation hubs; 2) le cross sectorial and integrated digital platforms al fine di rafforzare la competitività dell’UE nell’ambito delle tecnologie digitali e fare in modo che qualsiasi industria in Europa possa beneficiare appieno delle innovazioni digitali, indipendentemente dal settore in cui opera, dal luogo in cui si trova e dalle sue dimensioni.

In particolare nel Work programme ICT 2018 – 2020 sono previsti circa 471.00 milioni di Euro per finanziare:

  1. la costituzione di reti europee di Digital Innovation Hubs come one stop shopin grado di supportare imprese, e in particolare le PMI, migliorando i loro business, processi di produzione, prodotti e servizi utilizzando le tecnologie digitali nelle aree di cyber physical systemsroboticsphotonicsbig datadigital games and manufacturing.
  2. il lancio di una serie di iniziative per sostenere la creazione delle piattaforme industriali digitali del futuro, per le quali saranno definiti interfacce, architetture, protocolli di interazioni comuni per creare nuove opportunità di mercato a beneficio in particolare di PMI e nuovi players.

[1] https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/news/communication-digitising-european-industry-reaping-full-benefits-digital-single-market

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *