Speciali raggi ultravioletti usati per debellare l’influenza

Un gruppo di scienziati del Centro di ricerca radiologica della Columbia University di New York avrebbe trovato il modo di fermare l’influenza con un click grazie ad una speciale luce ultravioletta  che debella il virus nell’aria senza danneggiare l’uomo e senza costose campagne di disinfezione.

columbia-universityCome viene riferito nello studio pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori guidati da David Brenner avrebbero individuato, nello spettro dei raggi ultravioletti C, UVC,   utilizzati essenzialmente per disinfettare le superfici nei laboratori, nell’industria alimentare e per disinfettare le forniture d’acqua o strumenti chirurgici,   una lunghezza d’onda diversa, rispetto a quella con poteri germicidi.

E’ noto che la luce UVC  distrugge i legami molecolari nel Dna dei microorganismi, ma può anche causare danni e tumori della pelle, oltre che la cataratta nell’uomo. I raggi UVC scoperti e testati dagli scienziati sul virus influenzale H1N1, invece, non attraversano gli strati superficiali di pelle ed occhi e possono essere usati, come lampade,  nei luoghi pubblici per uccidere, a basso costo e senza rischi per la salute umana, i germi presenti nell’aria sia all’interno di ambienti confinati come treni, scuole, aeroporti, sia all’esterno, debellando così il pericolo di pericolose epidemie influenzali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *