Case Study: le piante della salute e il consumatore europeo

 

olii-essenzialiI Moduli d’informazione e formazione sul cammino di pace dalle Comunità all’Unione in ambito interdisciplinare che si svolgono all’Università La Sapienza di Roma  hanno consentito di mettere in evidenza dei Case study che  – nell’ambito della formazione dei ricercatori provenienti da diverse discipline scientifiche – hanno messo in luce tematiche  innovative che riguardano le piante della salute.

Le piante da sempre rientrano a pieno titolo nel campo delle terapie non convenzionali o complementari:

– fitoterapici,

– gemmoterapici,

– floriterapia o fiori di bach

– oli essenziali.

Possono essere utilizzate da sole o in associazione con la terapia convenzionale con ottimi risultati e bassi effetti collaterali. Da oriente ad occidente ogni paese ha delle piante della salute conosciute ed utilizzate  da millenni, attualmente sono sempre di più gli studi che coinvolgono le piante, spiegando a livello scientifico il loro meccanismo d’azione o la loro attività.

Conseguentemente, c’è l’opportunità in ambito della salute di approfondire attività di ricerca che rispondono alla domanda di mercato in continua espansione verso i prodotti naturali sia nella cosmesi (antiage) non avulsa da un corretto stile di vita, sia nella agricoltura biologica.

oli-essenziali-bio_La Fitoterapia dovrà essere approfondita in ambito europeo, come in parte è già stato fatto per la cosmesi e le fragranze, nel regolamento (CE) n. 1223/2009 e successive modifiche.

In particolare la Direttiva 2003/15/CE,  che contiene l’elenco delle sostanze la cui presenza è vietata nei cosmetici, nonché  di quelle che sono consentite subordinatamente a certe restrizioni (allegato III), rappresenta un esempio ulteriore di come informare e rendere consapevole il consumatore, dando rilevanza a temi specifici da studiare e porre all’attenzione.

Nel seminario su Benessere e Salute, promosso dalla CNA, APRE e La Sapienza nell’ambito delle iniziative d’informazione e formazione del Network Erasmus “I Mediterranei” dei prof.J.Monnet , sono state affrontate parti di queste interessanti tematiche.

Alessandra Saccà

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *