Ma lo Yeti esiste davvero? Che cosa dice la scienza?

yetiLo Yeti esiste? Sembrerebbe proprio di no. Ad affermarlo  un gruppo internazionale di  ricercatori dell’ Università di Buffalo, Usa, coordinato da Charlotte Lindquist, che hanno analizzato il Dna  mitocondriale di reperti biologici, attribuiti al mitologico uomo delle nevi, ritrovati in Nepal e nel Tibet confrontandoli con quelli delle diverse specie di orsi asiatici. Secondo lo studio pubblicato  sulla rivista  Proceedings of the Royal Society B peli, denti, feci ed ossa rinvenuti sulle tracce della fantomatica creatura, simile ad un ominide secondo la credenza popolare, non sarebbero altro che peli ed ossa appartenenti all’orso nero asiatico, all’orso bruno tibetano e all’orso himalayano.

Benchè,  non sia stata la prima volta che su tali reperti venivano eseguite analisi genetiche, secondo la Lindquist,  questa ulteriore analisi rappresenta  quanto di più  accurato e preciso sia stato fatto, fino ad ora,  su ben  nove reperti biologici  (peli, denti, ossa, pelle e campioni di feci) raccolti tra il plateau tibetano e l’Himalaya e recuperati  da musei e collezioni private. Addirittura, uno di questi sembrerebbe appartenere ad un cane, mentre tutti gli altri a diversi esemplari di orsi.

A parte la delusione di sapere che lo Yeti non è altro che il  frutto del folklore popolare, rimane, tuttavia,  il fatto che il metodo delle analisi genetiche utilizzato  per stabilire la verità sulla reale ’esistenza di specie “aliene”, risolvendo anche misteri simili a quello dell’ uomo delle nevi, potrebbe contribuire a salvare specie in pericolo di estinzione attraverso la ricostruzione la loro storia genetica.

“Gli orsi in questa regione –  sottolinea la ricercatrice – sono a rischio o seriamente minacciati, per cui conoscere meglio la struttura della popolazione e approfondire  la loro diversità genetica, potrà aiutarci  a valutare le dimensioni delle popolazioni e a  pensare  come gestirle al meglio per salvaguardarle”.

Rita Lena

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *