Verso la chiusura la mostra “Dinosauri in carne ed ossa” a Monza

dco_monza_maiasaura_foto_daniela_morelli dco_monza_tito_foto_anna_giamborino sos_mammuthus_cranio-e-zanne-1024x753 dinosauri-a-monzaUltimi giorni per visitare la mostra Dinosauri in Carne e Ossa. Sono tornati e hanno fame! (Viale Mirabello, Cascina Casalta a Monza) che saluta il pubblico con una serie di eventi ed aperture straordinarie, fino alla chiusura del 5 novembre 2017.

Si parte sabato 28 ottobre alle ore 18.30 con la richiestissima Sauronotte che, in una suggestiva atmosfera notturna all’interno del parco della Reggia di Monza, darà l’opportunità ai partecipanti di ammirare i Dinosauri in Carne e Ossa come non li avevano mai visti. Muniti di torce e lampade, verranno guidati alla scoperta degli animali preistorici!
Si replica la sera di Halloween, martedì 31 ottobre, e si festeggiare tutti insieme anche con un’apertura straordinaria: dalle ore 14 alle ore 17 la mostra è aperta e alle ore 18,30 al via la Sauronotte! Si ricorda che l’evento Sauronotte è su prenotazione obbligatoria e fino ad esaurimento posti  

Dinosauri in Carne e Ossa. Sono tornati e hanno fame! avrà un ospite speciale l’1 novembre 2017: il Museo Paleontologico dell’Accademia Valdarnese del Poggio presenterà la campagna di raccolta fondi ‘SOS Mammuths aspetta il tuo aiuto da un milione di anni’.  Di che cosa si tratta? Nell’autunno del 2016 nelle campagne di Terranuova Bracciolini (Ar) alcuni cacciatori hanno individuato le zanne di un elefante, ai piedi di una balza. È iniziato lo scavo paleontologico, diretto dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo ed effettuato insieme al Museo Paleontologico dell’Accademia Valdarnese del Poggio e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze.

Dopo alcune settimane di lavoro, paleontologi ed archeologi hanno scoperto le due difese, il cranio e l’ulna di un Mammuthus meridionalis – l’elefante che popolava il Valdarno quando il territorio era una savana di circa 1 milione e mezzo di anni fa – oltre a ossa di altre faune. L’esemplare scoperto è un patrimonio di tutta la cittadinanza del Valdarno e proprio per questo, dopo il restauro, sarà collocato nelle Sale del Museo Paleontologico di Montevarchi, insieme alla collezione di fossili che raccontano il suo ambiente.

dco_monza_maiasaura_foto_daniela_morelliPer poter sostenere tutte le spese è necessario uno sforzo comune, e per questo da settembre 2017 è stata avviata una grande campagna di sottoscrizioni a sostegno del progetto: SOS Mammuthus. Aspetta il tuo aiuto da oltre un milioni di anni. Non è tutto: chiunque contribuisce al sostegno può votare il nome che più gli piace tra una rosa di proposte: un piccolo segno che intende però rafforzare il senso di appartenenza e responsabilità di tutti cittadini. Ad ulteriore sostegno verranno realizzati, dallo staff della Mostra, dei laboratori creativi per i bambini, dalle ore 11 alle ore 16, al costo di 3 euro a partecipante e senza obbligo di prenotazione; il ricavato delle attività verrà interamente devoluto a ‘SOS Mammuthus’. Tutti gli eventi e la didattica sono promossi dall’Associazione Paleontologica Paleoartistica Italiana A.P.P.I..

dco_monza_tito_foto_anna_giamborinoAttenzione ai nuovi orari di apertura! 29 ottobre 2017 (10 – 17); 30 ottobre 2017 chiuso; 31 ottobre 2017 (14 – 17); 1 novembre 2017 (10 – 17); 2 e 3 novembre 2017 (14 – 17); 4 e 5 novembre 2017 (10 – 17); la cassa chiude sempre un’ora prima. Invariate le tariffe.

L’esposizione Dinosauri in Carne e Ossa. Sono tornati e hanno fame! è itinerante e ha carattere paleontologico; si tratta di un progetto interamente “Made in Italy”, è realizzato da GeoModel di Mauro Scaggiante, organizzato da Associazione Paleontologica Paleoartistica Italiana A.P.P.I., promosso dal Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, gode del patrocinio del Comune di Monza e Parco Valle Lambro, è curata dai paleontologi Simone Maganuco e Stefania Nosotti.

Rosanna Angiulli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *